Torna indietro

IL BORGHESE GENTILUOMO

Prosa 
Pisa, Teatro Verdi

sabato 21 gennaio 2017 ore 21 turno A Cartellone e Cinque

domenica 22 gennaio 2017 ore 17 turno B Cartellone e Cinque

Emilio Solfrizzi in
IL BORGHESE GENTILUOMO
di Molière
traduzione e adattamento Annarosa Pedol
regia Armando Pugliese
con (in o.a.) Viviana Altieri, Anita Bartolucci, Fabrizio Contri, Nico Di Crescenzo, Cristiano Dessì, Lisa Galantini, Lydia Giordano, Simone Luglio, Elisabetta Mandalari, Roberto Turchetta
scena Andrea Taddei
costumi Sandra Cardini
musiche Antonio Sinagra
coreografo Aurelio Gatti
luci Gaetano La Mela
uno spettacolo prodotto da Roberto Toni per ErreTiTeatro30

durata: lo spettacolo debutta nel corso della stagione

per abbonamenti e biglietti clicca qui

Tra i grandi capolavori di Molière, Il Borghese gentiluomo si incentra sulle vicende del ricco signor Jourdain che sogna di diventare nobile, fra adulatori e scrocconii sempre pronti a raggirarlo e ad assecondare la sua follia pur di trarne un guadagno. A questi si contrappone la moglie, donna pratica e razionale, che cerca di farlo rinsavire. Ne nasce una farsa chiassosa e colorata che culminerà in una beffa finale dove Jourdain sarà lasciato definitivamente solo nella sua folle utopia e continuerà a sognare quanto non potrà mai avere, come sognano tutti gli altri tipi comici del teatro molièriano.
Acclamato protagonista del vaudeville Sarto per signora che inaugurò la scorsa Stagione, Emilio Solfrizzi torna sul nostro palcoscenico per dar vita a un altro personaggio dalle sfaccettature malinconiche e nel contempo comiche. Un personaggio che non cessa di essere attuale. Come gli altri personaggi di Molière – l’avaro, il malato immaginario e l’ipocrita Tartufo – anche questo borghese che sogna di diventare un gentiluomo è, nella cultura letteraria europea, un archetipo, il modello esemplare e imprescindibile del nuovo ricco, dell’arrampicatore sociale, dell’ambizioso che pretende di comprare, col denaro, quei meriti e quei titoli di cui è irrevocabilmente privo.

per saperne di più clicca qui e vai al sito della produzione


 
 

Powered by iCagenda

Credits