Torna indietro

QUESTI FANTASMI!

Prosa 
Pisa, Teatro Verdi - via Palestro 40
24 Feb 2018 - 21:00
25 Feb 2018 - 17:00

Pisa, Teatro Verdi

sabato 24 febbraio 2018 ore 21, turno A Cartellone e Cinque
domenica 25 febbraio 2018 ore 17, turno B Cartellone e Cinque

La Compagnia di Teatro di Luca De Filippo 

QUESTI FANTASMI!

di Eduardo De Filippo 
con (in ordine di apparizione) Gianfelice Imparato, Carolina Rosi, Massimo De Matteo, Paola Fulciniti, Andrea Cioffi, Nicola Di Pinto, Viola Forestiero, Giovanni Allocca, Gianni Cannavacciuolo 
regia Marco Tullio Giordana
scene e luci Gianni Carluccio
costumi Francesca Livia Sartori
musiche Andrea Farri

produzione Elledieffe - La Compagnia di Teatro di Luca De Filippo

durata: 1 h 55’ intervallo compreso

 

P17 18 QuestiFantasmi GianfeliceImparato NicolaDiPinto phFilippo Manzini 122772

Un altro dei grandi capolavori di Eduardo per la Elledieffe “che continua, nel rigoroso segno di Luca, a rappresentare e proteggere l’immenso patrimonio culturale di una delle più antiche famiglie della tradizione teatrale italiana”, come ricorda Carlina Rosi.
Questi fantasmi!, che debuttò il 7 gennaio 1946 al Teatro Eliseo e fu fra le prime commedie di De Filippo a essere rappresentata anche all'estero, ha sempre registrato un successo assoluto, ascrivibile allo straordinario meccanismo di un testo che, nel perfetto equilibrio tra comicità e tragedia, propone uno dei temi centrali della drammaturgia eduardiana: quello della vita messa fra parentesi, sostituita da un’immagine, da un travestimento, da una maschera imposta agli uomini dalle circostanze. L’attualità di un testo come Questi fantasmi!, sottolinea Marco Tullio Giordana, “è per me addirittura sconcertante. […] Il tipo incarnato da Pasquale Lojacono […] con la sua inconcludenza, l’arte di arrangiarsi, la disinvoltura morale, l’opportunismo, i sogni ingenui e le meschinità, non è molto diverso dai connazionali d’oggi. La grandezza di Eduardo sta nel non ergersi a giudice, nel non sentirsi migliore di lui, di loro. Non condanna né assolve, semplicemente rappresenta quel mondo senza sconti e senza stizza. Il suo sguardo non teme la compassione, rifiuta la rigidità del moralista”.

« […] Giordana sembra affrontare l’impresa con una lucidità non disgiunta dall’affettuosità. Nella scena grigio-sporca di Gianni Carluccio, procede per piccole invenzioni, per brevi tocchi d’artista, concentrandosi poi, come è giusto, sul disegno dei personaggi e sulla loro orchestrazione. Ne scaturisce una esecuzione incantevole e in qualche tratto superba, dominata da Gianfelice Imparato, che fa di Pasquale Lojacono una figura indimenticabile […] Lasciamo per ultima Carolina Rosi, la cui Maria ha qui un peso diverso da quello attribuitole da Eduardo. Nella commedia la sua presenza è indefinita, incerta tra l’andare e il restare. Qui non è soltanto una donna dal carattere ben formulato, ma con una persuasiva forzatura diventa la padrona del proprio destino. […] Anticipando i tempi, sceglie di essere una donna libera. E’ la quadratura del cerchio, oltre che una delle molteplici ragioni per cui questo spettacolo diventa imperdibile.» Osvaldo Guerrieri, La Stampa

photo in home Fabio Lovino, nella scheda Filippo Manzini

per Abbonamenti e biglietti clicca qui

per saperne di più sullo spettacolo clicca qui


 
 

Powered by iCagenda

Credits