Torna indietro

EDIPO RE / LA VOIX HUMAINE

Opera 
Teatro Verdi, via Palestro 40, Pisa
1 Mar 2019 - 20:30
3 Mar 2019 - 15:30

Pisa, Teatro Verdi

venerdì 1° marzo 2019 ore 20.30, turno A
domenica 3 marzo ore 15.30, turno B

EDIPO RE
opera in un atto di Giovacchino Forzano, da Sofocle
musica di Ruggero Leoncavallo
(in forma semiscenica)

Edipo Giorgio Surian
Giocasta Dimitra Theodossiou
Creonte Max Jota
Tiresia Francesco Facini
Un Corintio Tommaso Barea
Un pastore Antonio Pannunzio

LA VOIX HUMAINE
tragédie lyrique in atto unico, libretto di Jean Cocteau
musica di Francis Poulenc

con Anna Caterina Antonacci
Attori/Ballerini Sabrina Vicari, Mariella Celia, Marta Zollet, Silvia Giuffré, Samuel Salamone, Yannick Simons

direttore Daniel Agiman

Orchestra Arché

Coro Ars Lyrica
Maestro del Coro Marco Bargagna

La Voix humaine 
regia 
Emma Dante
scene Carmine Maringola
costumi Vanessa Sannino
disegno luci Cristian Zucaro
Allestimento del Teatro Comunale di Bologna

per info su abbonamenti e biglietti clicca qui

Chiude la Stagione un dittico molto particolare. Nella prima parte, infatti, rendiamo omaggio al centenario della morte di Ruggero Leoncavallo (1857 - 1919) proponendone la sua ultima opera, ed insieme ricordiamo Titta Ruffo. L’Edipo Re di Ruggero Leoncavallo fu infatti il tipico esempio di opera scritta a misura di interprete, in questo caso per uno straordinario cantante-attore com’era appunto Titta Ruffo: a lui furono riservate le pagine più significative, come il toccante monologo conclusivo. Composta su libretto di Forzano, che si attenne scrupolosamente alla vicenda narrata da Sofocle, Edipo re, rimasta incompiuta per la morte del suo Autore, e completata da Giovanni Pennacchi , andò in scena postuma a Chicago, il 13 dicembre 1920, protagonista Titta Ruffo. Per i critici americani, quest’opera fu «un’impressionante riproduzione del vecchio spirito nei termini della musica moderna». Leoncavallo aveva centrato solo in parte l’obiettivo che lo aveva mosso a comporre questo suo ultimo lavoro, quello di mostrare di poter andare oltre l'ispirazione verista e di dar vita a un nuovo linguaggio musicale. Da notare che la prima esecuzione europea in forma scenica si tenne soltanto nel settembre 1958, all’Accademia Chigiana di Siena.
Di tutt’altra natura La voix humaine. Nata nel 1930 come piéce teatrale frutto dello straordinario genio di Jean Cocteau, fu messa in musica nel 1957 da Francis Poulenc e debuttò il 6 febbraio 1959 all’Opéra-Comique di Parigi. Cocteau ne rimase colpito e gratificò il compositore sottolineando come quegli avesse fissato una volta per tutte il modo di rendere i suoi testi. Monologo che tiene avvinto lo spettatore dall’inizio alla fine, La voix humaine ha in scena un’unica protagonista, una donna e il suo dialogo telefonico con l’amante che l’ha lasciata, in un flusso continuo di stati d’animo. Un atto unico per grandi cantanti-attrici. Non a caso il ruolo è stato appannaggio di grandi dive della lirica, da Magda Olivero a Jessie Norman, da Renata Scotto a Gwineth Jones; anche nella cinematografia l’interpretazione della sofferenza dell’abbandono ha visto brillare  stelle come Ingrid Bergman, Sophia Loren e soprattutto Anna Magnani.
Edipo Re non è mai andato in scena a Pisa.
La voix humaine andò in scena nell’ultima stagione prima della chiusura del Verdi per i restauri, quella del 1984.


 
 

Powered by iCagenda

Credits