Torna indietro

DIECI STORIE PROPRIO COSÌ

Teatri di confine 
Pisa, Teatro Verdi - via Palestro n. 40
21 Marzo 2019 - 21:00

Pisa, Teatro Verdi

giovedì 21 marzo 2019 ore 21

DIECI STORIE PROPRIO COSÌ - TERZO ATTO

da un'idea di Giulia Minoli
drammaturgia Emanuela Giordano e Giulia Minoli
regia Emanuela Giordano
musiche originali Antonio di Pofi, Tommaso Di Giulio
con Daria D’Aloia, Vincenzo d’Amato, Eleonora De Luca, Valentina Minzoni, Alessio Vassallo
e con Tommaso Di Giulio chitarre, Paolo Volpini batteria
musiche originali Tommaso Di Giulio

produzione Teatro di Roma – Teatro Nazionale, Teatro Stabile di Napoli – Teatro Nazionale, Emilia Romagna Teatro Fondazione – Teatro Nazionale, Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani Onlus – Centro di Produzione Teatrale
in collaborazione con Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale e The Co2 Crisis Opportunity Onlus
parte integrante del progetto “Il Palcoscenico della legalità” assistenti al progetto Giulia Agostini, Noemi Caputo, Tania Ciletti, Ilaria Meli
Il progetto è promosso da The Co2 Crisis Opportunity Onlus, CROSS-Osservatorio sulla Criminalità Organizzata, Fondazione Polis, Libera, Fondazione Falcone, Centro Studi Paolo Borsellino, Università di Pisa - Master in Analisi, prevenzione e contrasto della criminalità organizzata e della corruzione, daSud, Italiachecambia.org, LARCO - laboratorio di analisi e ricerca sulla criminalità organizzata Università di Torino
con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e del Ministero della Giustizia
con il sostegno di Fondazione con il sud, SIAE, Poste Italiane, Eni

Nell’ambito del Premio nazionale Franco Enriquez 2018 - Città di Sirolo, al progetto sulla legalità Dieci storie proprio così, una drammaturgia originale e di impegno che monta storie di mafie, malaffare, corruzione, rivolta in particolare ai giovani per contribuire alla rigenerazione di un rinnovato senso civico, sono stati recentemente assegnati i premi per il “miglior progetto” a Giulia Minoli e “miglior regia” a Emanuela Giordano (nella categoria Teatro di impegno sociale e civile e nuovi linguaggi).

durata: 1h 10'

tdc02 diecistoriepropriocosi2

Dieci storie proprio così, nato nel 2011 a Napoli come opera-dibattito sulla legalità, è parte integrante di un progetto sperimentale di collaborazione tra teatri, istituti penitenziari, scuole e società civile (Il palcoscenico della legalità). Racconta storie di impegno civile e riscatto sociale, responsabilità individuali e collettive, connivenze istituzionali e taciti consensi. Musica e teatro per dieci storie di gente comune, di vite spezzate, di eroi di tutti i giorni, per restituire un senso a una parola abusata e difficile: legalità. Dieci storie proprio così affronta vicende in cui il disagio e la disperazione hanno prodotto reazione, impegno civile, passione, coraggio, un’eredità irrinunciabile per il nostro futuro. Un ritratto sociale, un’indagine emotiva, una lotta collettiva contro il crimine, per promuovere la cultura come antidoto alla mafia e il teatro come strumento di denuncia, di educazione civica per le giovani generazioni e di impegno per tutti cittadini che fanno della memoria un diritto inalienabile.

«[…] Fa sentire in colpa lo spettacolo andato in scena al Teatro della Pergola Dieci storie proprio così. Terzo atto, una ‘ragionata’ provocazione contro quella rete mafiosa, trasversale e onnipresente, che vorrebbe sconfitta la coscienza collettiva, la capacità di capire e reagire. Uno spettacolo a dir poco coraggioso e controcorrente di due donne, Emanuela Giordano e Giulia Minoli, che sono partite nel 2012 scavando nella memoria, per ricordare chi ha combattuto le mafie. L'inizio  forte  costituisce l’ossatura della loro esperienza. Da allora insieme e senza paura hanno viaggiato in tutta Italia, approfondendo il tema della lotta alla criminalità organizzata grazie all’aiuto di alcune università italiane e ai tanti testimoni che hanno raccontato le loro storie. In scena alla Pergola una scena volutamente, giustamente scarna,  palcoscenico di testimonianze e di racconti di vita vissuta. Legami, collusioni e  i racconti di  organizzazioni criminali che investono tempo e denaro per  comunicare e minacciare.  Si parla di  svelamento dei complessi legami che si intrecciano tra economia legale ed economia criminale, legami che uccidono il libero mercato e minacciano  il nostro futuro. In scena giovani e bravi attori con la camicia bianca, interpretano, sono concentrati  sul presente, su ciò che accade ora e su quello che ognuno di noi può realmente fare, assumendoci la responsabilità di un cambiamento faticoso, ma irrinunciabile. Qualcosa che va oltre lo spettacolo è accaduto l’altra sera in un teatro, la Pergola,  che merita di essere menzionato perché ha dato spazio a qualcosa di inedito e importantissimo. Il linguaggio dei giovani che porta alla riflessione, il modo diretto di dire e raccontare.  Perché sia chiaro, non è con il disincanto che possiamo combattere una guerra di mafia.  Non è l’assenza di impegno a salvarci. Con coraggio si porta sulla scena la voce di chi si oppone, rischia e denuncia. C’è chi sceglie. Queste Dieci storie proprio così sono la voce di un’Italia che trova ormai poco spazio sui giornali. […] Bellissimo il lavoro coraggioso e armonico di  Emanuela Giordano e Giulia Minoli che porta in scena le  strategie  di un gruppo di liceali, la sfida di alcuni imprenditori, un’Italia viva di aziende, università, comunità che propongono un modo diverso di concepire le risorse economiche, gli spazi comuni, la nostra vita. […] Un spettacolo coraggioso  per riflettere sul pericolo reale delle mafie. Da vedere.» Titti Giuliani Foti, La Nazione 

per i biglietti clicca qui

per saperne di più sul progetto "Il palcoscenico della legalità" e sullo spettacolo clicca qui


 
 

Powered by iCagenda

Credits